REGIONE DEL VENETO

Votazioni di domenica 20 e lunedì 21 settembre

Per informazioni p.zza Silva n. 27, 36035 Marano Vicentino

tel. 0445/598825
 
AFFLUENZA E RISULTATI


 
Sono stati pubblicati  in Gazzetta Ufficiale i decreti del Presidente della Repubblica che hanno indetto e stabilito, per domenica 20 e lunedì 21 settembre, lo svolgimento del referendum costituzionale in materia di riduzione dei parlamentari e le elezioni suppletive per il Senato della Repubblica.
Con 
D.M. del 15 luglio 2020 sono state fissate, per i medesimi giorni, le prossime elezioni amministrative.

Trasporto pubblico ai seggi per portatori di Handicap 

Voto assistito per gli elettori portatori di handicap gravi
Sono da considerarsi elettori fisicamente impediti i ciechi, gli amputati delle mani, gli affetti da paralisi o da altro impedimento di analoga gravità  che siano impossibilitati ad esercitare autonomamente il diritto di voto.
Detti elettori possono esprimere il voto con l’assistenza di un elettore della propria famiglia o, in mancanza, con l’assistenza di un altro elettore che sia stato volontariamente scelto come accompagnatore, purché l’uno o l’altro sia iscritto nelle liste elettorali in un qualsiasi Comune della Repubblica.
La legge 17/2003 prevede che l’annotazione del diritto al voto assistito possa essere previamente inserita sulla tessera elettorale – su richiesta dell’interessato corredata dalla relativa documentazione medica rilasciata dal competente ufficio sanitario  – a cura dell’Ufficio Elettorale del Comune, mediante apposizione di un corrispondente simbolo o codice, nel rispetto delle disposizioni vigenti in materia di riservatezza personale ed, in particolare, del codice in materia di protezione dei dati personali.

In alternativa è possibile dimostrare la necessità del voto assistito direttamente al seggio  con un certificato medico che deve essere rilasciato immediatamente, gratuitamente ed in esenzione di qualsiasi diritto o applicazione di marche, dal funzionario medico designato dai competenti organi delle unità sanitarie locali Detto certificato deve attestare che l’infermità fisica impedisce all’elettore di esprimere il voto senza l’aiuto di un altro elettore.

Nessun elettore può esercitare la funzione di accompagnatore per più di un invalido; sulla tessera elettorale dell’accompagnatore, all’interno dello spazio destinato alla certificazione dell’esercizio del voto, è fatta apposita annotazione da parte del presidente del seggio nel quale l’elettore ha assolto la funzione di accompagnatore.
Per il rilascio delle certificazioni mediche contattare il Servizio Medicina Legale   ULSS7 – 0445389266 / 0445389267.

Voto domiciliare per elettori in dipendenza vitale da apparecchiature elettromedicali o affetti da gravissime infermità che ne rendano impossibile l'allontanamento dall'abitazione

In    applicazione della legge  27 gennaio 2006, n. 22,   come modificata dalla L. 7 maggio 2009 n. 46,   si prevede   l’ammissibilità   al voto domiciliare di "elettori affetti da infermità che ne  rendano impossibile l’allontanamento dall’abitazione".
Ai sensi della normativa sopraccitata possono essere ammessi al voto domiciliare, oltre agli elettori affetti da gravi infermità che si trovino in condizione di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano, anche gli elettori affetti da gravissime infermità tali che l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano risulti impossibile anche con l’ausilio dei servizi previsti dall’art. 29 della L. 5 febbraio 1992 n. 104 (e cioè del trasporto pubblico che i Comuni organizzano in occasione delle consultazioni elettorali per facilitare agli elettori disabili il raggiungimento del seggio elettorale).
Al riguardo, il Ministero dell’Interno - Direzione Centrale dei Servizi Elettorali -, ha ritenuto utile, con la circolare, n. 16/2014 -  in data 4 aprile  2014, rammentare quanto segue:
  1.    le disposizioni sul voto domiciliare si applicano solo nel caso in cui il richiedente dimori nell’ambito del territorio nazionale (in caso di elezione del parlamento Europeo)
  2.    l’elettore interessato deve far pervenire al Sindaco del Comune nelle cui liste elettorali è iscritto, entro lunedi 31 agosto,  un’espressa dichiarazione attestante la propria volontà di esprimere il voto presso l’abitazione in cui dimora, corredata della prescritta documentazione sanitaria, (contattare Ulss7)
  3.   la relativa domanda di ammissione al voto domiciliare va redatta in carta libera (nella stessa deve indicarsi l’indirizzo dell’abitazione in cui l’elettore dimora e, possibilmente, un recapito telefonico) e deve essere corredata di copia della tessera elettorale e di idonea certificazione sanitaria rilasciata da un Funzionario Medico designato dai competenti Organi dell’Azienda Sanitaria Locale;
  4.   i certificati medici potranno, altresì, eventualmente attestare la necessità di un accompagnatore per l’esercizio del voto;
  5.   i Comuni di iscrizione elettorale verificano la regolarità e la completezza delle domande di ammissione al voto domiciliare, includendo in appositi elenchi, distinti per sezione, i nominativi degli elettori ammessi e rilasciando a questi ultimi un’attestazione di tale inclusione;

Opzione degli elettori residenti all'estero per l'esercizio del diritto di voto in Italia in occasione del Referendum Costituzionale ex art. 138 della Costituzione

Per il Referendum Costituzionale di Domenica 20 e Lunedì 21 Settembre 2020, gli elettori italiani residenti all'estero, ai sensi della L. n. 459/2001 e del relativo regolamento di attuazione, votano per corrispondenza.
La normativa, nel prevedere la modalità di voto per corrispondenza da parte di tali elettori, i cui nominativi vengono inseriti d'ufficio nell'elenco degli elettori residenti all'estero, fa comunque salva la possibilità di votare n Italia, previa apposita e tempestiva OPZIONE, da esercitare in occasione di ogni consultazione popolare e valida limitatamente ad essa.
In particolare, il diritto di optare per il voto in Italia deve essere esercitato entro il decimo giorno successivo all'indizione del referendum (termine riferito alla data di pubblicazione nella GU del decreto di indizione) e cioè entro il prossimo 28 Luglio 2020, utilizzando preferibilmente il modello allegato. L'opzione dovrà pervenire entro il termine sopraindicato all'Ufficio consolare operante nella circoscrizione di residenza dell'elettore e potrà essere revocata con le medesime modalità ed entro gli stessi termini previsti per il suo esercizio. Qualora l'opzione venga inviata per posta, l'elettore ha l'onere di accertarne la ricezione, da parte dell'Ufficio consolare, entro il termine prescritto. 

 
Modulo per l'opzione degli elettori  residenti all'estero per l'esercizio del voto per corrispondenza

Voto degli elettori temporaneamente all’estero per motivi di lavoro, studio o cure mediche e dei familiari conviventi.

Gli elettori temporaneamente all'estero da almeno 3 mesi, per motivi di studio, lavoro, cure mediche e dei loro famigliari conviventi, possono richiedere di poter votare per corrispondenza.
E' stato riconosciuto stabilmente per le elezioni politiche e i referendum nazionali il diritto di voto per corrispondenza nella circoscrizione Estero - previa espressa opzione valida per un’unica consultazione - agli elettori italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento della medesima consultazione elettorale, nonchè ai familiari con loro conviventi.
L'opzione per il voto all'estero può essere espressa compilando un apposito modulo, da trasmette entro e non oltre il 19 agosto 2020, direttamente al Comune di Marano Vicentino, tramite email (anagrafe@comune.marano.vi.it), PEC (maranovicentino.vi@cert.ip-veneto.net )   , oppure fax  (0445560101).
La dichiarazione di opzione, redatta su carta libera e necessariamente corredata di copia di documento d’identità valido dell’elettore, deve in ogni caso contenere l’indirizzo postale estero cui va inviato il plico elettorale ed una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti

Modulo per l'opzione degli elettori temporaneamente all'estero per motivi di lavoro, studio o cure mediche e dei familiari convicenti.

 


Per qualsiasi ulteriore informazione contattare l’Ufficio Elettorale tel. 0445/598822

Per maggiori informazioni collegamento a Ministero dell'Interno 

 
torna all'inizio del contenuto