Comune di Marano Vicentino

Elezioni politiche del 4 marzo 2018

Elezioni politiche
del 04 marzo 2018

p.zza Silva n. 27, 36035 Marano Vicentino
tel. 0445/598825

Domenica 4 marzo 2018, dalle ore 7 alle ore 23, si vota per l’elezione della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica.

COME SI VOTA
Potranno votare per eleggere i rappresentanti alla Camera dei Deputati  tutti i cittadini che hanno compiuto i 18 anni di età entro il giorno fissato per la votazione, presentandosi alla sezione elettorale, indicata sulla tessera elettorale, nelle cui liste risultano iscritti. Oltre alla propria tessera elettorale sarà richiesto un documento di riconoscimento valido
Potranno invece votare per eleggere i rappresentati al Senato della Repubblica  tutti i cittadini italiani che hanno compiuto 25 anni di età entro il giorno fissato per la votazione.
Sia per l’elezione della Camera che per quella del Senato, ogni elettore dispone di un voto da esprimere tracciando con la matita copiativa un segno (esempio, una croce o una barra) sul contrassegno della lista prescelta ed è espresso per tale lista e per il candidato uninominale ad essa collegato. Oppure può tracciare un segno sul nome del candidato uninominale: in tal caso il voto è espresso anche per la lista ad esso collegata e, nel caso di più liste collegate, il voto è ripartito tra le liste della coalizione in proporzione ai voti ottenuti nel collegio.
N.B.: Non è ammesso il voto disgiunto


Sito del Ministero dell'Interno



RINNOVO E DUPLICATO DELLE TESSERE ELETTORALI

In vista delle prossime elezioni l’Amministrazione invita gli elettori a controllare la tessera elettorale in proprio possesso.
Coloro che devono rinnovare la tessera elettorale (perché smarrita, rubata, deteriorata, o che ha esaurito gli spazi destinati all’apposizione del timbro da parte dell’Ufficio elettorale di sezione di avvenuta votazione) devono rivolgersi all’UFFICIO ELETTORALE del COMUNE DI MARANO VICENTINO situato in via  25 Aprile n. 7.
Al fine di evitare code e affollamenti, si pregano i cittadini di recarsi quanto prima all’Ufficio Elettorale per ottenere il rilascio del duplicato o di una nuova tessera e non attendere i giorni immediatamente precedenti le elezioni.
ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO PER IL RILASCIO  NUOVE TESSERE:
Lunedì : 09.30-13.00
Mercoledì17.00-18.30
Martedì –Giovedì – Venerdì : 09.30-13.00
Orari di apertura straordinaria per rilascio tessere:
Venerdì 02 Marzo, Sabato 03 Marzo: 09.00-18.00  
  Domenica 04 Marzo: 7:00-23:00
L’intestatario della tessera elettorale può presentarsi personalmente o incaricare un’altra persona per il ritiro della nuova tessera.
In questo secondo caso l’incaricato dovrà presentare apposita delega    firmata con allegata  fotocopia  di un documento di identità valido .
Nel caso di richiesta di rilascio di nuova tessera per esaurimento spazi dovrà essere esibita anche la tessera elettorale in possesso dell’elettore, dovendo il Comune verificare che gli spazi sono esauriti.
Ufficio Elettorale  tel. 0445.598822


VOTO DEGLI ITALIANI TEMPORANEAMENTE ALL’ESTERO
Legge 6 maggio 2015, n. 52
I cittadini italiani che si trovano  temporaneamente all’estero in occasione delle elezioni politiche del 04 marzo 2018 possono votare per corrispondenza nella circoscrizione Estero, comunicando preventivamente al Comune la propria opzione, che sarà valida per questa sola consultazione elettorale.

Chi può votare all’estero previa opzione
Possono votare per corrispondenza previa comunicazione della propria opzione i cittadini italiani che   per motivi di lavoro, studio o cure mediche,    si trovano all’estero per    un   periodo di almeno tre mesi,     durante il quale ha luogo il referendum   e che non sono iscritti nell’A.I.R.E., cioè non sono anagraficamente residenti nel Paese estero ove si trovano al momento del voto.

Possono votare nella circoscrizione Estero anche i familiari conviventi, che si trovano all’estero insieme ai cittadini di cui sopra.

Come presentare l’opzione per il voto all’estero
L'opzione per il voto all’estero va presentata in Comune entro il 31 gennaio  2018 La domanda può essere presentata in carta libera a mano, via posta, telefax, o tramite posta elettronica anche non certificata.
Il modulo è disponibile al presente link e presso l’ufficio elettorale.
Il modulo deve essere compilato, firmato e deve essere presentato insieme alla fotocopia di un documento di identità valido (carta di identità, passaporto).

 

VOTO ASSISTITO PER GLI  ELETTORI  PORTATORI  DI  HANDICAP GRAVI

Sono da considerarsi elettori fisicamente impediti i ciechi, gli amputati delle mani, gli affetti da paralisi o da altro impedimento di analoga gravità ovvero gli elettori portatori di handicap sempreché gli stessi siano impossibilitati ad esercitare autonomamente il diritto di voto.

Detti elettori possono esprimere il voto con l’assistenza di un elettore della propria famiglia o, in mancanza, con l’assistenza di un altro elettore che sia stato volontariamente scelto come accompagnatore, purché l’uno o l’altro sia iscritto nelle liste elettorali in un qualsiasi Comune della Repubblica.
La legge 17/2003 prevede che l’annotazione del diritto al voto assistito possa essere previamente inserita – su richiesta dell’interessato corredata dalla relativa documentazione – a cura del comune di iscrizione elettorale, mediante apposizione di un corrispondente simbolo o codice nella tessera elettorale  personale, nel rispetto delle disposizioni vigenti in materia di riservatezza personale ed, in particolare, del codice in materia di protezione dei dati personali.
Quando il simbolo non sia stato apposto nella tessera elettorale personale, oppure quando l’impedimento non sia evidente, esso potrà essere dimostrato con un certificato medico che deve essere rilasciato immediatamente, gratuitamente ed in esenzione di qualsiasi diritto o applicazione di marche, dal funzionario medico designato dai competenti organi delle unità sanitarie locali (contattare l’Ulss). Detto certificato deve attestare che l’infermità fisica impedisce all’elettore di esprimere il voto senza l’aiuto di un altro elettore.
Devono intendersi “elettori portatori di handicap”, anche le persone con handicap di natura psichica, allorché la rispettiva condizione comporti pure una menomazione fisica che incida sulla capacità di esercitare materialmente il diritto di voto.
Nessun elettore può esercitare la funzione di accompagnatore per più di un invalido; sulla tessera elettorale dell’accompagnatore, all’interno dello spazio destinato alla certificazione dell’esercizio del voto, è fatta apposita annotazione da parte del presidente del seggio nel quale l’elettore ha assolto la funzione di accompagnatore.

  Per qualsiasi ulteriore informazione contattare l’Ufficio Elettorale tel 0445/598822